• Agosto 15, 2022

Recensione: “The Rational Male” di Rollo Tomassi.

DiClass Alfa

Gen 7, 2021

Un caposaldo per lo sviluppo di un Uomo.

Ho appena finito di leggere un libro molto famoso nella comunità internazionale di uomini che vogliono diventare la migliore versione di se stessi. Parlo di “The Rational Male” di Rollo Tomassi. Il titolo è in inglese perchè ad oggi non esistono versioni in altre lingue.

Rollo Tomassi è l’alter ego creato per tutelare la propria identità da un uomo che da oltre 25 anni studia e parla di donne e relazioni online. Laureato in psicologia comportamentale e Arte, Rollo Tomassi ha un passato da tombeur de femmes grazie a una decennale carriera da chitarrista metal nella california del Sud e 41 donne conosciute biblicamente prima di sposarsi.

Rollo tomassi è passato da essere uno sfigato segaiolo a un playboy di successo imparando a massimizzare il suo valore di mercato, interpretando il ruolo del musicista maledetto con tanto di stivali e capelli lunghi sulla schiena.

Dai primissimi anni 2000 discute su internet di donne, femminismo, psicologia evolutiva, mascolinità e Red Pill. Di fatti molti gli attribuiscono il titolo di padre della filosofia Red Pill, nata proprio nel primo decennio di questo secolo sui forum americani di seduzione e miglioramento personale che frequentava.

Rollo ha potuto aprire gli occhi grazie alle sue numerosissime avventure sessuali e alla sua turbolenta relazione avuta con una bellissima ragazza affetta da disturbo borderline di personalità che lo ha fatto allontanare per tre lunghi anni dai suoi sogni e dalle sue ambizioni, vivendo di fatto come uno zerbino ai suoi piedi e provando sulla sua pelle le conseguenze della manipolazione

Gli studi di psicologia e le numerosissime discussioni online hanno fatto il resto, incrociando la propria esperienza personale con quella di decine di altri playboy e utilizzando gli strumenti diagnostici della psicologia.

Da questa lunga esperienza di vita è nato prima il suo blog, e poi il suo libro “The Rational Male”.

I contenuti

Questo libro punta ad aprire gli occhi al maschio medio totalmente inserito nella narrativa moderna che vuole la donna come centro della società e l’uomo come genere sacrificabile in virtù dell’ottimizzazione dell’imperativo femminile: l’ipergamia.

Tra i contenuti principali sicuramente c’è la lunga spiegazione delle strategie riproduttive di uomini e donne che, nonostante i secoli di monogamia, sono fissate nel nostro cervello primitivo. Se l’uomo ha come imperativo quello della sessualità illimitata, la donna segue un modello totalmente diverso, ponendosi come selezionatrice sessuale e puntando alla qualità piuttosto che alla quantità. La strategia riproduttiva della donna segue degli schemi ben codificati nel suo sistema limbico, e non ci sono spazi per rimorsi o sensi di colpa. L’obiettivo della donna è quello di riprodursi sempre con il meglio a disposizione nel suo ambiente, raccogliendo la genetica dei maschi Alfa in prima istanza e utilizzando i maschi Beta come produttori di risorse, investimento parentale e sicurezza, per lei e i suoi figli. All’ipergamia letteralmente non frega niente dei sentimenti dell’uomo che come stabilito nel femminismo, e a un livello basale anche nel cervello delle donne, è sempre sacrificabile.

“Hypergamy doesn’t care” – Rollo Tomassi

Tra gli obiettivi di Rollo emerge anche la chiara volontà di risvegliare nel lettore il suo naturale istinto alfa. Secondo l’autore infatti tutti gli uomini nascono dominanti, ma la società moderna li piega forzatamente a un ruolo di beta dominabile e manipolabile, dalla società e dalle donne ai fini di ottimizzare le strategie riproduttive femminili ai danni di quelle maschili. Se per esempio per natura un uomo aborra l’idea di crescere figli non suoi e rinnega in automatico ogni possibilità di relazione con una madre single, la società moderna fa il lavaggio del cervello ai maschi convincendoli invece a rinunciare a questi istinti in funzione, ancora una volta, dell’imperativo femminile. Secondo l’autore i pochi maschi che per un motivo o per un altro non vengono “riprogrammati” dalla società sono quelli che hanno più successo, i “natural Alpha” come vengono definiti del libro. Attraverso la demolizione dei vecchi concetti l’autore riaccompagna il lettore alla scoperta della sua mascolinità, non tossica ma bensì positiva, per lui e per la società. Rollo insegna così agli uomini a essere il proprio “mental point of origin” , ovvero a mettere le proprie necessità sempre davanti a quelle degli altri quando ci si trova a dover prendere una decisione importante; un egoismo positivo che aiuta gli uomini ad essere assertivi, virili e finalmente ad avere successo con le donne.

Il paradosso che l’autore ci fa comprendere, nella sua lunga analisi dei moderni condizionamenti che la società moderna ci mette in testa, è che le donne in fondo, nel loro cervello primordiale, non vogliono un maschio debole. Le donne vogliono e bramano ardentemente un uomo forte, dominante, deciso. Le donne vogliono l’uomo che le altre donne vogliono scopare, e che gli altri uomini vogliono essere. Le donne vogliono un maschio alfa, e l’unico modo per risvegliare questa natura è quello di analizzare le donne per quello che sono, scevri una volta per tutte da emotività e falsi miti. L’uomo moderno, per tornare ad essere un maschio Alfa padrone del suo destino, deve essere un maschio razionale: The Rational Male.

Le regole di ferro

Sul finire del libro l’autore indica nove regole da seguire sempre quando si ha a che fare con una donna. Queste regole portano al successo nelle relazioni ed evitano agli uomini di essere utilizzati, manipolati e “betizzati”.

  1. Il potere nella coppia è tutto. Resta sempre consapevole degli equilibri inconsci di coppia e mantieni sempre nelle tue mani il controllo della struttura, senza però dare palesi segnali di farlo.

La cosa più importante affinchè una relazione sia sana e duratura è che l’uomo ne abbia in mano il controllo e la guida. Non si tratta di dominare la donna con la violenza o con la forza fisica, ma di farle sempre capire che ci si può allontanare senza perdere. La donna entra nel tuo mondo, e non il contrario. La tua posizione di guida la stabilisci fin dalla prima frequentazione, fissando regole invalicabili, che mantieni durante il tempo. La tua integrità e il tuo valore non si mettono mai in discussione. La persona che ha più potere nella coppia è quella che ha meno bisogno dell’altro.

  • Non rivelare mai, nemmeno sotto minaccia di morte, il numero di donne che hai avuto. Non dare spiegazioni alla persona presente delle tue eperienze passate.

La donna vuole costantemente capire chi ha davanti, capire se sei Alfa o Beta, dominante o dominabile. Questa domanda serve anche per capire questo, ma un numero alto di “successi sessuali” potrebbe anche essere usato come arma durante un litigio. C’è poi da sottolineare come alle donne piaccia pensare di aver capito, attraverso il loro istinto femminile, chi hanno di fronte. Lasciale la soddisfazione di illudersi di aver capito tutto di te, senza dare dati certi. Mantieni tutto fumoso e misterioso.

  • Quando una qualunque donna ti fa aspettare per il sesso, non vale la pena aspettare.

Quando una donna ha davanti un maschio Alfa dall’alto valore riproduttivo non esiste attesa. Il desiderio genuino non è negoziabile per una donna. Se ti fa aspettare significa che sta pianificando qualcosa, sta cercando di metterti alla prova e capire se sei manipolabile, sta usando l’unico bene che ha da offrirti, il suo corpo, come merce di scambio. Su queste basi non potrai mai costruire una relazione sana.

Il maschio moderno e femminista pensa che la donna abbia bisogno di confidenza per arrivare alla sessualità. Niente di più sbagliato. Il vero sesso, quello di qualità, quello crudo, è quello che le donne concedono in fretta, senza troppi ragionamenti, ai maschi che le attirano per davvero e non quello che arriva al dodicesimo appuntamento.

  • Non vivere mai, sotto nessuna circostanza, con una donna che non hai sposato o stai per sposare entro sei mesi.

Non comprare o affitare mai casa con una fidanzata. La confidenza e la quotidianità porteranno la sessualità ad avere un calo nella frequenza e nella qualità. La donna vuole avere rapporti con un uomo misterioso e mai del tutto suo, sapere ogni dettaglio della tua vita la porterà a vederti come un membro della famiglia, un fratello, e spegnerà lentamente il desiderio. La farai stare bene, la farai sentire sicura, ma non la ecciterai più come quando vivevate separati. La convivenza spegne nella donna l’ansia da competizione, il dubbio che teneva vivo il suo desiderio. Ora conosce i tuoi orari e sa che non hai nessun’altra donna

  • Non affidare mai a una donna il controllo delle nascite.

La modernità ha di fatti dato in mano alle donne il controllo delle nascite, e non vanno quasi mai incontro a gravidanze realmente indesiderate, con gli oltre 30 metodi contraccettivi che hanno a disposizione. L’uomo di contro può solo affidarsi all’uso del preservativo, che diventa davvero effettivo quando viene gettato nel WC. I casi di manipolazione e di distruzione della vita di un uomo per colpa di una gravidanza “indesiderata” sono moltissimi, evita di cadere in certe situazioni.

  • Le donne sono fondamentalmente incapaci di amare un uomo nel modo in cui l’uomo si aspetta di essere amato da una donna.

Gli uomini amano in modo idealistico, le donne amano in modo opportunistico. Uomini e donne hanno concetti di amore diversi, ma entrambi sono in grado di amare. Gli uomini sono romantici mascherati da razionali, le donne sono razionali mascherate da romantiche. Le donne non cercano quantità, cercano valore. Le donne si innamorano quando l’uomo ha una serie di doti, quali competenze, genetica o risorse. Gli uomini pensano che le cose concrete con contino nell’amore, e le donne fanno leva su questa debolezza.

Un uomo può essere un ottimo alfa, attraente e dominante, ma se non si impegna ad avere una relazione stabile la donna lo abbandonerà davanti ad una opportunità migliore.

Un beta può di contro dare sicurezza e beni materiali, ma sarà sempre a rischio davanti all’arrivo di un riproduttore più valido.

  • È sempre meglio spendere energie e tempo in una nuova donna piuttosto che cercare di recuperare una relazione fallita.

Semplice pragmatismo. Quando finisce una relazione l’uomo vede solo i lati positivi di cui sente la mancanza e questo lo porta a voler tornare indietro. Se la relazione è finita ci sono validi motivi che hanno portato a questo scenario, anche se a volte si fa fatica a vederli in modo chiaro. Mai tornare insieme a una donna, specialmente se è stata lei a rompere. Andare via è la massima dimostrazione di valore.

  • Lascia che la  donna capisca da sola quali sono i motivi per cui non vorrebbe scoparti, non farlo tu.

Non uscire dalla partita prima di esserti messo in gioco, non ti limitare solo perchè la donna davanti a te ti sembra avere un valore di mercato superiore al tuo. A volte un’irrazionale sicurezza può essere la chiave per avere la donna che pensavi di non meritare. Agli uomini moderni è stato insegnato a rispettare le donne in eccesso e questo li può tenere lontani dal successo.

  • Non sminuirti mai di fronte a una donna con cui vuoi essere intimo.

Non cercare mai di attirare la compassione o la simpatia di una donna vittimizzandoti o dipingendoti in una posizione di debolezza, questi sentimenti sono veleno per l’eccitazione femminile. Devi porti come un premio da vincere e non come una vittima da aiutare, le donne non vogliono stare con un perdente perchè non vogliono essere associate a lui.


Vuoi leggere questo libro? Lo trovi qui sotto!

Class Alfa

Appassionato di miglioramento personale. Esperto di chirurgia plastica e maxillofacciale, sociologia e gestione di micro impresa.

3 commenti su “Recensione: “The Rational Male” di Rollo Tomassi.”
  1. Mai letto Tomassi; conosciuto solo di recente per qualche citazione. Ma devo dire, non per sminuirlo, che si tratta di consigli e temi già (stra)noti in vari ambienti italiani (inclusi FR sul web) da tanti anni. Basta leggere Massimo Fini, Alphonse Karr, Franco Cuomo, per non parlare di Giacomo Casanova. Da parte nostra, stiamo lavorando per privilegiare autori ed esperienze europee – filtrate sulla base delle nostre -, più vicine al modello culturale italiano.
    Il problema è nella mancanza di volontà nel migliorarsi che affligge troppi ragazzi italiani, forse una conseguenza della mancanza di virilità positiva.
    In bocca al lupo per la nuova avventura sul blog!

    1. Vero. Certi temi sono discussi da lungo tempo, lui è solo una delle tante voci. Repetita iuvant, specie in un mondo che ti vuole far assorbire a forza concetti diametralmente opposti e distruttivi per un uomo.
      Massimo Fini per esempio è un uomo di uno spessore culturale infinitamente superiore, meriterebbe successo internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.