• Giugno 19, 2021

Uno strumento che migliora brutalmente la tua pelle.

DiClass Alfa

Gen 31, 2021

Scopri come ritardare la comparsa delle rughe.

Da qualche anno ho un’abitudine che non abbandonerò mai per il resto della vita, e voglio condividere con i miei lettori questo segreto che credo mi garantisca un invecchiamento molto più lento e qualitativo rispetto all’uomo comune.

Sto parlando del dermaroller.

Questo strumento permette di innescare un’impennata di collagene nella vostra pelle e di garantire una conseguente rigenerazione dei tessuti. Il principio è quello di creare delle lesioni di profondità controllata che scatenano una reazione riparatoria nella nostra epidermide, elasticizzandola e nutrendola.

I sottilissimi aghi di titanio infatti, che possono avere misure da 0.25mm fino a 2mm, penetrano nella pelle e creano ferite microscopiche che non si sviluppano mai in tessuto cicatriziale, se usiamo lo strumento con criterio. Bisogna infatti considerare l’età e la lunghezza degli aghi.

Gli uomini giovani, diciamo dai 20 ai 30 anni, possono iniziare ad utilizzare questo strumento per mantenere la propria pelle elastica e invecchiare più lentamente. Una seduta ogni 3 o 4 mesi può essere sufficiente. La profondità degli aghi può essere 0.5mm, come quella che uso io. Andando avanti con l’età possiamo utilizzare più spesso questo strumento e azzardarci a fare fino a un trattamento settimanale, con aghi più lunghi. Le persone anziane infatti tendono a produrre poco collagene e quindi è necessario ripetere spesso il trattamento per vedere risultati.

Usi del dermaroller

Oltre alla lotta alle rughe il dermaroller è utilissimo per attenuare tutti i difetti che possiamo accumulare con il tempo sulla pelle. Prime fra tutte le cicatrici da acne. Sul web è pieno di prima e dopo.

Un prima e dopo su cicatrici da acne.

Anche le smagliature possono essere trattate, in questo caso sarà necessario utilizzare aghi di 1.5mm o 2mm.

Nella comunità della lotta alla calvizie androgenetica inoltre si è diffuso l’utilizzo di questo strumento per favorire il recupero dei bulbi piliferi. Il vantaggio ovviamente sarebbe quello di prevenire, o contenere, la calvizie senza l’utilizzo di farmaci. Oltre al collagene ci sarebbe anche l’aumento localizzato del fattore di crescita IGF-1. Bro science per ora, ma sembra funzionare.

Personalmente sto provando su me stesso questo sistema. Ogni sabato mattina mi massacro la testa per alcuni minuti, dall’hair line fino al vertex. Posterò eventuali risultati a tre mesi di trattamento, non perdetevelo.

Il mio scalpo, rosso e sanguinante, dopo una sessione intensa di dermaroller.

Alternative

La tecnica di stimolazione cutanea di cui parliamo è il needling, e il dermaroller è solo uno degli strumenti in commercio, sicuramente il più famoso.

Le due alternative manuali sono la “stampa” e la “penna”, che vanno usati per dare colpetti, a differenza del dermaroller che rotola sulla pelle.

La differenza con il dermaroller è l’angolo di entrata. Se con la stampa/penna entriamo e usciamo puliti, con il roller, dato il movimento, usciamo con un angolo diverso da quello con cui siamo entrati. Secondo alcuni questa differenza dovrebbe scoraggiare l’utilizzo del roller per la lotta alla calvizie dato che si potrebbero lesionare i bulbi piliferi. Personalmente rigetto questa teoria, dato che la profondità dei bulbi li assicura da eventali danni causati da aghi di 0.5mm che sono la misura più usata sulla testa. Il bulbo infatti sta a oltre 6mm di profondità.

La lesione del dermaroller e quella della penna.

Ci sono poi strumenti elettrici che permettono di coprire grandi superfici in poco tempo e con la massima efficienza. Il più famoso è il Dr. pen.

Abbinamento di lozioni e creme.

Molti abbinano a questi trattamenti l’utilizzo di prodotti, che grazie ai microfori possono entrare più in profondità e agire meglio. Se parliamo di cura della pelle sono d’accordo, applicare una lozione al collagene o alla vitamina C può ottimizzare il processo, se invece stiamo parlando di anti calvizie è meglio evitare dato che potremmo spingere il farmaco in questione ad entrare nel sistema, mentre l’ideale è che si mantenga periferico, andando a lavorare sul bulbo pilifero senza diventare sistemico.


Ecco il dermaroller che uso, economicissimo. Lo potete abbinare a un siero di acido ialuronico.

Pennina elettrica Dr.pen

Class Alfa

Appassionato di miglioramento personale. Esperto di chirurgia plastica e maxillofacciale, sociologia e gestione di micro impresa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *